Ci sono voluti 14 mila metri quadri totali, 1852 giorni di cantiere, 4720 tonnellate d’acciaio e 250 milioni di euro per costruire il palazzo Rinascente che ,dopo 11 anni, sfila per la Via del Tritone con fierezza e maestosità.
Architettura intramontabile, immobili di alta qualità, design sorprendente e il fascino dell’Acquedotto Vergine: tutto racchiuso in questa splendida struttura.
800 sono i brand di alta moda contornati da materiali pregiati e mobili lussuosi, entrare all’interno della Rinascente è davvero un’esperienza mistica e unica.

Ciascun piano della Rinascente è dedicato ad uno specifico settore. Al piano terra troverete oggetti di design, accessori di lusso, gioielleria e orologi; al primo piano la profumeria, secondo e terzo piano collezioni maschili, quarto e quinto dedicato alle linee femminili. Al sesto piano il food e ristorazione.

6 i piani su cui si estende la Rinascente, 7 a dirla tutta considerando anche la food hall. Un piano interamente dedicato al cibo, tra bar, ristoranti e terrazze panoramiche che regalano viste mozzafiato sullo splendido scenario di Roma, raccontando le meraviglie con più di 2000 anni di storia.
Ad aggiungersi ai 6 piani di lusso sfrenato tra griffe e design è il piano -1 che riporta alla luce uno degli Acquedotti più importanti di Roma.

Uno dei tesori della Roma Antica è riaffiorato durante gli scavi, difatti, al piano -1 troviamo l’affascinante Acquedotto Vergine. Un acquedotto romano inaugurato nel secolo di Agusto il 19 a.C., ancora funzionante, dedicato ad alimentare quasi tutte le fontane più imponenti del centro storico, inclusa Fontana di Trevi. Sono gli architetti Claudio Silvestrin e Giuliana Salmaso a progettare le diverse aree che compongono il piano dell’Acquedotto, utilizzando estetiche ben precise per riportare il visitatore indietro nel tempo, passando prima per le aree del Design Supermarket, per arrivare poi alle rovine millenarie dell’antico reperto che lascia attoniti e incantati difronte a cotanta bellezza.

Proseguendo il viaggio, si scorge all’interno del department store un palazzo antico che si affaccia sul cavedio centrale, come fosse un “palazzetto nel palazzo”, un piccolo edificio dei primi del ‘900 che si estende in altezza su diversi piani diventando parte integrante dell’architettura espositiva.
L’atrio celebra il “Colosseo quadrato”, il travertino tipico di Roma è il leitmotiv.

 

Al piano terra e al primo piano la firma di Vincent Van Duysen, che non solo aggiunge gusto e colore ai piani principali d’ingresso, ma ridisegna tutto l’intero edificio, trovando spazio anche per 96 finestre e 7 vetrine.

Al piano fashion uomo, il terzo, è l’Universal Design Studio a prendere le redini del design, seguito dalle “Lofs and Rooms” di Paolo Lucchetta che con un allestimento unico fa una dedica speciale alle intramontabili sneakers.

La moda femminile viene invece ridisegnata da India Mahdavi e CLS ArchitettiCoronano che, con l’aiuto dei cinque sensi, allestiscono e modellano i piani dedicati alla bellezza del corpo, un trionfo di profumi e colori.

L’ultima firma, o la prima a seconda dei gusti, è quella di Francesca Romana Di Nunzio che, con i suoi manichini- scultura iperrealisti, allestisce le vetrine d’ingresso.

Entrare all’interno del nuovo palazzo Rinascente vi farà sicuramente brillare gli occhi di fronte a tanta bellezza e sfarzosità, contornata da esperti del settore design e architettura che, con l’uso dei cinque sensi, regalano emozioni davvero mozzafiato.